Michele Carofiglio lascia LaboratorioCom, apnea e fidanzata per le serie tv

È ufficiale, Michele Carofiglio, graphic designer dell’agenzia di comunicazione di Bari, Laboratorio Com, nonché grande promessa dell’apnea azzurra, lascia tutto e si dà alla recitazione. Stanco di fare logo sempre più grandi, ormai saturo di tutta l’acqua al cloro bevuta e assunto il nome d’arte di Michael Dearson, il 30enne barese dichiara di voler conquistare il mondo delle serie tv.

Riconosciute le sue doti attoriali, dopo aver visionato un provino inviatogli di nascosto dai colleghi d’agenzia di Michael, diversi produttori americani lo hanno scritturato per la prossima stagione televisiva affidandogli ruoli di primo piano nelle serie tv più amate.

Per i dirigenti di Netflix Dearson avrebbe un innato talento per la recitazione, tanto da renderlo immediatamente protagonista della seconda stagione di Stranger Things in cui Michael prenderà il posto di Eleven, la bambina dai poteri psichici, con il nome di Seventeen, un bambino di cui ancora non si conoscono le capacità.

Non solo Netflix nel futuro di Carofiglio, abbandonata Bari per Hollywood, l’attore sarà in molte altre serie tv: secondo alcuni rumors, provati da una foto rubata dal set, Michele avrà un ruolo importante nella prossima stagione di The Walking Dead, ma ancora non è dato sapere se sarà un alleato di Rick o un super cattivo alla Negan.

Dearson però sta facendo parlare di sé anche per una presunta relazione con la nota fashion blogger, Chiara Ferragni: abbandonata in lacrime la storica fidanzata Marie Cloud, l’ex grafico è stato fotografato con Chiara mentre le mostrava le bellezze di Japigia.

Nella gallery qui sotto vi spoileriamo, con moderazione, le immagini delle serie tv in cui potrete vedere Carofiglio in azione.

carofiglio 2carofiglio laboratorio comhouse of cards carofiglio laboratorio commrrobot carofiglio laboratorio comstranger thingsthe-walking-dead-greg-nicotero - carofiglio
<
>

(L’articolo è basato esclusivamente sulla fantasia, malata, dell’autore e i protagonisti di questa storia, dal Demogorgone alla Ferragni, non devono assolutamente ritenersi lesi nella propria dignità)

Articoli Correlati